Piccolo blu e Piccolo giallo

Un libro di Leo Lionni che noi abbiamo preso in prestito dalla biblioteca della scuola dell'infanzia. Racconta la storia di Piccolo blu, il cui migliore amico è Piccolo giallo. I due insieme si divertono moltissimo. Un giorno Piccolo blu viene lasciato solo a casa, ma la mamma si raccomanda di non uscire e di aspettare il suo ritorno. Piccolo blu non ce la fa a stare da solo ed esce a cercare il suo amico Piccolo giallo. Quando lo trova, dopo una serie di difficoltà, la gioia è incontenibile e i due si stringono un abbraccio tanto forte da fonderli insieme. Dopo aver giocato i due tornano a casa, ma non vengono riconoscono piu' i loro figli, che non sono piu' blu e giallo, ma entrambi verdi! Affranti i due bambini cominciano a piangere e dai loro occhi scendono lacrime non verdi come ci si aspetterebbe, ma blu e gialle. I bimbi piangono così tanto da ricomporsi e tornare loro stessi. I genitori, dalla gioia di rivedere i loro figli, si abbracciano tra loro, diventando anche loro un po' verdi. E allora capiscono cosa è successo. Il verde non è solo l'unione tra il blu e il giallo, ma anche il simbolo di una grande amicizia. Sono i bimbi che insegnano ai genitori la grandezza e il senso dell'amicizia: avvicintarsi tanto all'altro da fondersi in una cosa sola, mantendendo pero' sempre la propria identitò (per questo le lacrime non sono verdi ma blu e gialle). Un libro semplice ma profondissimo.
Credo che non mi accontentero' di tenerlo in prestito solo per qualche giorno, ma me lo andro' ad acquistare per averlo fisso nella mia libreria.

Commenti

Post più popolari