Piccole donne

Un libro che da piccola avevo scovato nella libreria di mia nonna. Un libro che era appartenuto a mia mamma, con le pagine ingiallite e quell'odore di stantio che hanno i libri datati. Un libro con poche immagini sbiadite ma che mi aveva attratto già solo per il titolo "Piccole donne"; io che in fase pre-adolescenziale mi accingevo a diventare donna. Un libro di cui mi ero innamorata, forse perchè parla della solidarietà tra sorelle (che io non ho mai avuto), parla di una famiglia sfortunata ma unita, parla dei primi amori tra ragazzi, parla di passioni e arte. Chi di noi non si è mai "Piccole donne" è un libro classico che rimane, che non passa di moda e che è giusto rispolverare. Io ne ho colto l'occasione qualche giorno quando ad un mercatino nel mio paese l'ho visto, in versione colorata e piu' adatta a bambini anche piccoli, a soli 3 euro. 
Così "Piccole donne" è entrato a far parte anche della vita dei miei bambini e non si sa mai che li aiuti a capire l'importanza della "fratellanza". Così come nel libro spesso le sorelle battibeccano e non si capiscono, ma sono sempre pronte a darsi una mano vicendevolmente, così vorrei accadesse tra i miei figli. 


Commenti

Stefania ha detto…
Un gran classico... che non si dimentica!
Anche mia figlia ha ormai letti tutti i libri Alcott, sono sempre magnifici, nonostante il passare del tempo.

Ciao
Flavia

Post più popolari