Candeline con vasetti omogeneizzati

I miei minuti liberi (da lavoro, da bambini, da pulizie) trascorrono sempre in questo periodo a favore della scuola. Tra una ventina di giorni infatti per ben cinque domeniche le nostre scuole saranno impegnate in una bancarella di oggetti hand-made fatti dai genitori, con l'intento di portare a casa qualche soldino da utilizzare per le scuole. Oltre a qualche borsa fatta con vecchi indumenti, oltre ai gessetti profumati, sto producendo delle candeline. Il tutto ovviamente riciclando!!!

Per fare queste candele ho usato:
- vecchie candele rotte
- vasetti omogeneizzato
- pizzi, nastri, bottoni, passameneria e chipiu'nehapiu'nemetta

E' bastato far sciogliere a bagnomaria (in una ciotola vecchia che poi getteremo o utilizzeremo solo per queste cose) le vecchie candele spezzettate e private dello stoppino (che terremo da parte per riutilizzare). 
Insieme alle candele ho provato ad aggiungere il colorante alimentare in gel, ma non ha "preso" come pensavo, quindi la cera anzichè colorarsi di un bel violetto è risultata di un bianco sporco o di un viola molto spento. Una volta sciolta la cera l'ho fatta colare nei vasetti degli omogenizzati e vi ho inserito subito lo stoppino che ho cercato di fermare al centro con una molletta.
I vasetti li ho decorati avvolgendoli con del pizzo (vero o finto) con dei nastrini, bottoni, pezzi di cannella, fiorellini (tutti avanzi di vecchie bomboniere).

Ci vuole davvero poco tempo, ma bisogna stare attenti nel rovesciare la cera nei vasetti (io ho usato un bicchiere di plastica, perchè travasando direttamente dalla ciotola si rischia che si tiri dietro tutto causando pasticci di cera in giro per casa che poi è difficile togliere). 
Penso si possano prestare anche come regalino handmade per Natale. 

Commenti

Post più popolari