Presepe su legno

Piu' che presepe in realtà si tratta della sola natività, ma nessuno vieta che si possa usare la stessa tecnica per creare altre casette e personaggi del presepe. 
Davanti a casa nostra nelle settimane scorse è stata fatta un po' di pulizia, sono stati tagliati rami e alberi interi. Passeggiando con i bambini abbiamo trovato dei pezzi di rami tagliati a triangolo e ce li siamo portati a casa, perchè così, già solo a verderli, mi davano l'idea di una casetta. Non sapevo come avremmo potuto trasformarli in un presepe, ma avrei voluto lasciarli il piu' naturale possibile. Poi ho pensato che sarebbe bastato incollare delle statuine a questo a legno per creare un effetto 3D. Ma come potevamo fare le statuine? Volevo mantenere l'idea di creare un presepe naturale, con materiali naturali e di ritorno verso casa, passando sotto una noce, mi è "cascato" l'occhio sui mezzi gusci di noce ai piedi dell'albero. Piu' li guardavo e piu' pensavo che, una volta dipinti, potevano prestarsi benissimo per fare le teste dei personaggi. Così ne ho fatte raccogliere diverse e diverse dimensioni ai bambini. Con il nostro bottino naturale di gusci e tronchetti ce ne siamo tornati a casa contenti e ispirati. 
Abbiamo subito messo i tronchetti al sole ad asciugare per un paio di giorni, perchè erano stati all'acqua e all'umidità. Dopodichè quando ci sono sembrati belli asciutti li ho fatti carteggiare, solo sul davanti, dai bambini con una spugnetta abrasiva.

Come secondo passaggio abbiamo passato prima una mano di acquerello (sfumato su colori tenui come ocra, marroncino e qualche punta di rosso) poi una mano di vinavil che in teoria dovrebbe un po' proteggere il legno ed evitare che si crepi. Dico in teoria perchè è un esperimento...non ho mai provato prima. 
Intanto che i nostri pezzi di legno si asciugavano abbiamo cercato tra le nostre scatole di materiali di riciclo e naturali qualcosa (oltre i gusci di noce) che sarebbe potuto servirci per costruire le statuine.
Abbiamo trovato dei tappi di sughero che abbiamo deciso di tagliare a metà nel senso della lunghezza. Questo perchè i nostri personaggi non saranno interi, ma a metà. Per interderci la testa non sarà rotonda ma semicircolare e così il corpo, dovrà sbucare dalla base di legno, ma non tantissimo. Direi che le immagini rendono meglio l'idea di quello che vogliamo fare.
Accostando il mezzo guscio di noce, il mezzo tappo di sughero e dei cordini (che facevano parte di una tenda per mosche e zanzare), già riuscivamo a vedere i nostri personaggi! I bambini erano entusiasti (e anch'io a dire il vero!)
Appurato che l'idea funzionava, il prossimo passo è stato quello di dipengere le teste, per le quali abbiamo usato della semplice tempera rosa. Abbiamo poi creato i capelli con del cotone.

 Il passaggio successivo è stato quello di creare i vestiti dei personaggi. Abbiamo semplicemente scelto dallo scatolone degli scampoli qualche stoffa che potesse andare bene e l'abbiamo fissata intorno al mezzo tappo con qualche punto di colla a caldo.
 Questo è il nostro primo tentativo della Madonna: 
Abbiamo proseguito in questo modo anche per creare Gesu' bambino, che abbiamo adagiato su un po' di paglia finta, e Giuseppe al quale abbiamo messo baffi e bastone. 
Visto che il legno era bello alto e rimaneva molto spazio sopra le teste dei personaggi abbiamo pensato di creare una stella cometa. Mentre io mi scervellavo per capire che materiale usare, al Capitano è venuta l'idea geniale di usare la pasta e in particolare le mezze penne. Abbiamo provato ad accostarle tra di loro e il risultato ci piaceva, per cui abbiamo proseguito per quella strada, colorando con la tempera oro un po' di mezze penne, che poi abbiamo incollato tra loro il vinavil in modo da dargli la forma di stella.

 Questo è uno dei cinque che abbiamo fatto e poi regalato alle maestre.

Commenti

Post più popolari